‘Ora Beer’: da Hermes al centro di Londra attraverso la birra

‘Ora Beer’: da Hermes al centro di Londra attraverso la birra

Tre businessmen che hanno cominciato nel garage di casa e ora vendono in oltre 20 locali tra Inghilterra e Italia

SHARE:

LONDRA – Daniele è consulente finanziario e da due anni e mezzo vive a Londra, Pietro vive a Modena e lavora in una multinazionale del packaged food, Emanuele invece è a Milano e lavora nell’HR di una multinazionale del broadcasting; tre ragazzi, tre città e una passione ad unirli.
Otto anni fa hanno cominciato, quasi per gioco, a fare la birra a Modena nel garage di Daniele: “Per i primi tempi lo abbiamo fatto solo per passione, le prime miscele erano scadenti e le buttavamo direttamente via – racconta lo stesso – negli ultimi due anni poi abbiamo migliorato gli impianti e ci siamo concentrati su due ricette”. I due prodotti finali, Gioele e Hermes, piacciono ad amici e parenti e così i tre decidono di provare a vendere partendo da Londra. Confezionano 100 bottiglie e Daniele comincia a presentare il prodotto porta a porta percorrendo Kingsland Road, una delle zone con più movimento della città. Le opportunità di vendita arrivano subito e così nasce il brand Ora Craft Beer: il nome viene dal dialetto modenese e significa ‘ombra’. “Pensiamo al contadino della nostra tradizione che dopo il duro lavoro si riposa all’ombra e si gode una birra fresca – ma non solo – è anche il momento in cui ci siamo guardati e abbiamo scelto di buttarci in una nuova esperienza: ora!”. Il brand, semplice e immediato, si distingue dal design della classica birra artigianale italiana per la sua modernità. Il prodotto piace e ad oggi, 6 mesi dopo la prima vendita, sono in 22 locali a Londra e presenti anche a Modena e Milano, la birra non è più prodotta nel garage di Daniele ma da un birrificio nel reggiano che segue le loro due ricette.
ora_beer_02Hermes, “delicatamente maltosa con un erbaceo pronunciato”, è un omaggio all’antica ‘Osteria da Hermes’ di Modena mentre Gioele, “dal sapore caldo e accogliente figlio della tradizione rinfrescato con un profumo di fiori”, è il prodotto di punta e porta il nome del figlio di Pietro, nato insieme al progetto pochi mesi fa. Ora Beer non è solo una birra italiana esportata, le sue ricette sono pensate per soddisfare il gusto italiano e quello inglese, è una birra a metà fra due nazioni che usa la classica ricetta scozzese ma con un luppolo reggiano dal profumo intenso. Un’azienda a cavallo fra Italia e Inghilterra che permette di avere sempre un rapporto personale e diretto tra il produttore e lo store: “A Londra vendiamo a ristoranti italiani, birrerie specializzate e negozi di prodotti italiani – spiega Daniele – qui vendiamo meglio perché il cliente inglese tende a fidarsi di più ed è affascinato dal design e dal Made in Italy, mentre in Italia sono molto più restii a investire in un prodotto ancora agli inizi”. La loro azienda, gestita interamente al telefono, data la distanza, sa usare bene pubblicità e comunicazione e adesso sta portando avanti l’Ora Summer Tour che promuove la birra in 11 eventi in collaborazione con diversi stores a Londra e un photo contest su Instagram.

ora_beer_01 Progetti per il futuro? “Entro il primo anno vogliamo arrivare a 30 locali a Londra ed essere più presenti in Italia, a Modena, Bologna e Milano – spiega Daniele – punteremo molto sui ristoranti perché crediamo che la birra possa avere un ruolo maggiore a tavola come sostitutivo del vino”.

A Modena li potete trovare al Bar Caffetteria dal Cinque al Sei, Teatro Cajka, Osteria Ferrari, Bottega d’Oltremare, Habanero Cafe e al Festival del luppolo a Formigine dal 1 al 3 Luglio.

Oltre che sul sito internet orabeer.com,
potete trovarli su:
facebook come ORA – Craft Beer from Italy,
su instagram come @orabeeritaly 
e su twitter come @orabeer84

COMMENTI

WORDPRESS: 0