Papà, cos’era il Punk?

Papà, cos’era il Punk?

Domenica 24 Febbraio, il secondo appuntamento della rassegna MoCu Speaks: il monologo escogitato e raccontato da Glezös

SHARE:

Domenica 24 Febbraio dalle 18 all’OFF di Modena riparte la rassegna MoCu Speaks (qui il resoconto del primo appuntamento se ve lo siete persi!), ideata e coordinata proprio da noi di MoCu. Il secondo appuntamento, dopo l’evento zero di settembre scorso, sarà “Papà, che cos’era il punk?”, un monologo escogitato e raccontato da Glezös, personaggio di riferimento della scena Punk italiana dal 1977 a oggi.

Cos’è il punk? Chiedilo a Glezös, lo sa più di me

Glen Matlock

‘Papà, cos’ era il punk?’ è un monologo unico nel suo genere, nel quale Glezös racconta gli incontri, le amicizie e le vicende personali che sull’asse Milano-Londra l’hanno proiettato dal 1977 nel cuore della scena, facendone uno dei pochi riconosciuti testimoni oculari italiani del punk.  Srotolando un tappeto di aneddoti in capitoli introdotti da oltre 20 montaggi audio/video e con la musica di 44 nomi di riferimento, immagini e memorabilia, Glezös ne proietta l’ atmosfera e il pathos in modo accurato e informale. Dalla scoperta dei Sex Pistols nell’ Italia del 1976 alle frequentazioni carbonare con i primissimi punk tricolori; i viaggi a Londra, i concerti, i locali e gli incontri decisivi con i nomi storici del punk inglese, da Jordan a Vivienne Westwood, da Malcolm McLaren a Sid Vicious & Nancy Spungen, da Adam Ant a Rat Scabies, Dave Vanian, Captain Sensible e altri. Ma anche l’ Italia dell’ epoca, la politica e le tensioni, gli equivoci dei media, le amicizie di casa e i punk conosciuti lungo la strada in una serie di flash, ritratti e racconti dall’ intenso all’ esilarante. Il tutto vissuto direttamente in prima persona e non per sentito dire, in un monologo che chiarisce perché il punk resti tuttora l’ultima frontiera.

Glezös è nato a Milano da sangue emiliano. Tra i primi agitatori del punk in Italia, è personaggio di riferimento dal 1977 a oggi con la sua cult band The Gags, Schwarz Of Galiorka e altri. Ha scritto, tradotto e parlato in radio e tv, riviste e website (da Radio Blackout a Radio Popolare, dalle fanzine a Rolling Stone, GQ e altri). In ambito punk ha pubblicato ‘Whip avANTgarde-Adam & The Ants in Italy, 1978’ (El Passerotto 2004, in inglese) e ‘Punk alla carbonara. 1977-1981: l’Italia sotterranea attraverso fanzines, stampa & dischi’ (con Eletttro, Avec Les Punks 1998-2012, tre edizioni). Tra altri progetti in uscita, sta attualmente lavorando all’ atteso libro sui suoi innumerevoli incontri con artisti, celebrità del punk, del rock e protagonisti vari tra Milano e Londra dagli anni ’70 a oggi, da Dario Fo a Demetrio Stratos, da Vivienne Westwood ai Sex Pistols. Glezös è il suo vero nome e non uno pseudonimo, ma non ci crede nessuno!


 

MoCu Speaks è un format originale MoCu – Modena Cultura

È il desiderio tradotto in azione di scambiarci parole e raccontare storie. Un rendez-vous culturale al servizio della comunità. La forma per condividere il legame e la passione per la città e il suo sapere. Mocu Speaks nasce con l’intento di diventare un appuntamento fisso con argomenti e location mutabili di volta in volta.


 

PAPÀ, COS’ ERA IL PUNK?

Escogitato & raccontato da Glezös
Ordito da Avec Les Punks
Tagliato e cucito da Eletttro

Con la musica di Siouxsie & The Banshees, Generation X, Subway Sect, Sex Pistols, King Tubby, Buzzcocks, Culture, The Damned, Suicide, The Slits, Plastic Bertrand, Joe Gibbs & The Professionals, Ramones, Augustus Pablo, Suzi Pinns, Johnny Thunders & The Heartbreakers, Ultravox!, The Royal Philarmonic Orchestra, John Cooper Clarke, Public Image Ltd., Chelsea, Adam & The Ants, The Clash, Ivan Cattaneo, Dillinger, Metal Urbain, Rancid X, Elton Motello, Lee Scratch Perry, Gaznevada, Cherry Vanilla, The Gags, Junior Murvin, Mittageisen, Chrisma, Iggy Pop, The Tubes, Toni Santagata, Tom Robinson Band, Gli Incesti, Patrick Fitzgerald, Andrea Mingardi Supercircus, Anna Oxa, Toten Hosen, The Briefs.


 

OFF Modena, Via Antonio Morandi, 71 – 41122 Modena (MO)

L’apertura della serata è prevista per le ore 18 e l’esibizione avrà una durata di circa 1 ora e 30 minuti.

L’ingresso è GRATUITO. Comunicazione ed ingresso riservati ai Soci Stòff

COMMENTI